La cistite cronica: cos’è, a cosa è dovuta e come si combatte

cistite-cronica-donna

La cistite cronica: cos’è, a cosa è dovuta e come si combatte

La cistite cronica è una condizione urologica abbastanza comune – molto più di quanto si pensi – e si presenta quando gli episodi di cistite acuta iniziano a recidivare in lassi di tempo brevi o relativamente brevi. La cistite è un’infiammazione della vescica dovuta a infezioni batteriche (soprattutto da Escherichia coli), che si presenta con una sintomatologia molto caratteristica: dolori sovrapubici, bruciore alla minzione, che diventa frequentissima e fastidiosa da trattenere, con presenza di urine torbide in cui compare a volte del sangue (nel qual caso, si parla di cistite emorragica).

cistite-cronica-donnaBisogna però distinguere tra cistite cronica e cistite ricorrente: la cistite è ricorrente quando la frequenza di comparsa si alza notevolmente, e le recidive sono frequenti in tempi anche molto brevi; si parla invece di cistite cronica quando lo stato infiammatorio e doloroso è continuo, anche se con picchi di dolorabilità più o meno frequenti.

Quali sono le cause della cistite?

La cistite è una condizione che colpisce sia uomini che donne, ma è molto più comune in quest’ultime per questioni di conformazione anatomica. L’uretra femminile è infatti più corta di quella maschile e molto prossima al retto e alla vagina, facilitando la risalita dei batteri che causano la cistite.

La cistite è favorita dall’attività sessuale alla quale non si contrappone un’igiene appropriata. La meccanicità del rapporto facilita la risalita dei germi, ed è importante stare molto attenti a lavarsi e ad assecondare lo stimolo di urinare subito dopo, in modo che l’uretra venga “lavata” da eventuali batteri contratti durante il rapporto.

Come combattere la cistite cronica

Per prima cosa vogliamo consigliarti di sentire il tuo medico curante, lui saprà come consigliarti al meglio, l’automedicazione anche per disturbi comuni come la cistite è sempre pericolosa! Detto questo vediamo come è possibile alleviare i sintomi ed il dolore della cistite…

Se si soffre di cistite o cistite cronica, l’alimentazione può far sì che i sintomi non si ripresentino spesso o in forma particolarmente dolorosa. A tal proposito sono sconsigliati i cibi che provocano “calore”, come il caffè e il cioccolato, i cibi troppo piccanti o speziati e le bevande alcoliche. È poi consigliato evitare jeans o collant troppo stretti, e l’utilizzo di intimo in cotone.

Per “pulire” la vescica, bisogna inoltre bere molta acqua – almeno 2 litri al giorno – e può essere utile associarvi un integratore al cranberry, il mirtillo rosso americano (da assumere anche quando i sintomi non sono acuti). Ne esistono molti e tutti ugualmente efficaci, basterà chiedere al farmacista.

Ad ogni modo, se la sintomatologia si fa particolarmente seria e i tentativi di placarla con molta acqua e i consigli di cui abbiamo appena parlato non sono andati a buon fine, è bene rivolgersi al proprio medico. Questi procederà probabilmente a prescrivere una terapia antibiotica a base di ciprofloxacina (nei casi di cistite acuta non complicata).

Nel caso in cui la terapia non andasse a buon fine o i sintomi si ripresentassero a distanza di poco tempo, il medico prescriverà probabilmente un’analisi delle urine mirato all’individuazione dell’agente responsabile della cistite e dell’antibiotico specifico al quale è sensibile: ciprofloxacina, ofloxacina, amxicillina, e così via.