Nuovo Algoritmo Facebook: il “peso” degli amici

nuovo algoritmo facebook

Ancora una volta Facebook ha deciso di cambiare l’ordine attraverso il quale gli utenti della piattaforma vedono comparire i post all’interno del Newsfeed. La sezione dei contenuti non è mai statico, e l’algoritmo che ne determina il flusso lavora costantemente.

Con questo nuova mossa, l’azienda americana assegna un maggior peso a quanto condiviso da amici e famigliari, anziché ai post di brand e pagine aziendali. Non solo. Più spazio sarà dato anche ai contenuti di infotaiment, che informano ma riescono a farlo intrattenendo gli utenti.

L’obiettivo? Far rimanere gli utenti quanto più a lungo possibile sul social network e quindi mostrare loro quello che vogliono vedere.

Nuovo algoritmo Facebook: famiglia e amici first

Come scritto sul blog dallo stesso social network “Amici e famiglia vengono al primo posto”. Questo significa dare ampia visibilità a quello che producono gli amici: foto, video e stati hanno maggiore spazio nel newsfeed, e saranno costantemente aggiornati.

Quali amici? Ovviamente non avremo gli update di ogni singolo amico, anche in questo caso Facebook effettuerà una cernita tra tutti i nostri utenti, in base a vari fattori tra cui quelli a cui mettiamo più like, quelli con cui interagiamo maggiormente e gli utenti con cui abbiamo un legame di sangue (o che sulla piattaforma abbiamo nominato parenti).

Questa nuova strategia di Zuckerberg & co. risponde essenzialmente a due bisogni attuali. Per prima cosa, Facebook deve riuscire a ritrovare il vecchio appeal nei confronti di millenials e giovanissimi, sempre più attratti da Snapchat. Il secondo motivo è l’essenza moderna del social network: fare impresa. Editori, aziende e brand se vogliano aumentare la reach devono puntare ad investimenti concreti e continuativi.

La reach organica diventerà quasi utopia? In un certo senso sì. D’ora in poi, probabilmente, inserire nel proprio prospetto aziendale anche una parte per le ads su Facebook avrà un peso assai maggiore rispetto al passato. L’importante è studiare sempre strategie fattibili e creare contenuti di qualità.

 

 

 

 

 

,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *